LA NOSTRA STORIA

Questa è la storia di un uomo che con costanza, tenacia ed amore per il lavoro è riuscito a diventare un industriale, il maggiore che operi nel meridione nel settore della camiceria per uomo.

E’ la storia del Cavaliere Giovanni Candido, il fondatore di “FENICIA” la camicia, di fiducia, un esempio di come l’abilità imprenditoriale e una buona dose di fortuna possano dare ad una persona notevoli soddisfazioni ed alla Società visibili benefici che da ogni sana iniziativa scaturiscono. Nel 1931 era solo un giovanotto pieno di speranze, “Senza una lira in tasca né a casa”, come egli stesso racconta. Andava in giro presso alcune camicerie a portare le pezze di stoffa ed a ritirare le camicie confezionate, che poi vendeva ai pochi Clienti. Sei anni dopo aveva racimolato una sommetta di denaro ed aprì una piccola bottega in Via Papireto. Fu il primo salto verso l’industria, dieci lavoranti, nel suo laboratorio, fu, forse, per il Cavaliere Candido, la più grande soddisfazione che il lavoro gli abbia mai dato nella sua vita. La guerra interruppe l’attività della nascente industria fino al 1947, ma dopo quegli anni il laboratorio di Via Papireto non si fermò più e le camicie del Cavaliere Candido cominciarono a fare la prima timida comparsa in alcuni negozi cittadini. La concorrenza del Nord non era ancora agguerrita come ora e la piccola industria palermitana poteva in un certo senso competere con essa dato che i macchinari per la produzione in serie non avevano raggiunto la perfezione di oggi e i sistemi di lavorazione conservavano delle caratteristiche intermedie tra l’artigianato e l’industria. Nonostante le difficoltà fu quello un periodo favorevole per il Cavaliere Candido, perché trovò la congiuntura migliore per il Suo inserimento nel mercato in un momento in cui ciò era possibile farlo con un modesto capitale. Arrivò anche il successo che non montò la testa a questo accorto imprenditore, ma lo spronò a confrontarsi con i ritmi e le attrezzature della modernità.

Arrivarono gli anni 50 ed il tempo di correre dei rischi, il non tentare avrebbe significato rinunciare alla competizione e scomparire dal mercato così il Cavaliere Candido nel 1957 abbandonò per sempre il vecchio laboratorio di Via Papireto per trasferirsi presso il nuovo stabilimento sorto alla Rocca. Fu allora che il Cavaliere Candido divenne un industriale e alla sua industria doveva dare un nome; ‘Candido’? Lo scartò subito. Fino ad allora, una camicia da uomo non poteva che portare, per essere ben accetta, il marchio di una ditta settentrionale; il Nord, per l’uomo della strada si identifica con l’industria, mentre per contro esisteva una diffusa diffidenza per la produzione proveniente dal Sud. Nella ricerca di un nome di una immagine, il pensiero si soffermò su di un popolo commerciante per eccellenza, ormai leggendario per il suo contributo alla storia ed all'economia del mondo antico; I Fenici. Audacissimi navigatori, accorti commercianti, ottimi produttori, portarono le loro merci in tutto il bacino del mediterraneo ed addirittura al di là delle colonne di Ercole. Così nacque il nome della camicia Fenicia; un nome di prestigio, perché legato ad una tradizione di civiltà e di progresso. Nacque al tempo stesso la ragione sociale dell’Azienda ed il suo Slogan pubblicitario di allora “Fenicia, la camicia di fiducia”; fu ideato il marchio ormai famoso del ‘cavallo alato’: e le sue “ali” hanno portato la camicia Fenicia ben lontano, facendo onore al suo nome. Oggi il marchio e lo slogan si sono messi al passo coi tempi. Il marchio è rimasto sempre un cavallo alato, ma stilizzato; lo slogan è diventato “camiceria d’immagine”. Nell'organizzazione dell’azienda, un valido ed essenziale contributo è stato dato dal figlio del Cavaliere Giovanni Candido: Gaspare, che assumeva la direzione della produzione e stilistica con un organico operativo di 320 dipendenti, impegnandosi in una opera di qualificazione delle maestranze e dei reparti intermedi rinnovando costantemente le collezioni in assoluta aderenza alle esigenze più vive del mercato e a fattori di vestibilità e confort. Dal 1985 Fenicia ha cominciato ad utilizzare il sistema Autocad e l’hangar system che porta più precisione nelle linee di taglio e cucito e garantisce un aumento della produzione del 20% - 35%. Con questi sistemi Fenicia è riuscita a dare la massima flessibilità e un prezzo più competitivo ai suoi clienti.